Tel. +39 0165 361190

Assemblea Nazionale Straordinaria Avis - Milano 2019

ANCHE AVIS VALLE D'AOSTA PRESENTE CON UNA DELEGAZIONE REGIONALE. Si è svolta sabato 12 gennaio a San Donato Milanese l' 83a Assemblea nazionale AVIS interamente dedicata alle tematiche statutarie.

Anche AVIS Valle d'Aosta era presente ai lavori con una delegazione guidata dal Presidente regionale Pier Paolo Civelli e composta dal Consigliere nazionale Eraldo Giovanetto che è anche presidente di Avis Pont Saint Martin, dai Presidenti Attilio Chenoz di Avis Courmayeur, Angelo Vancheri di Avis Chatillon e Rosildo Avoyer Avis Grand Combin.

L'assemblea nazionale è stata convocata per adeguare i testi statutari alla nuova normativa del Codice del Terzo Settore (D. Lgs. 117 del 3 agosto 2017) in attuazione della legge di Riforma del Terzo settore. I delegati infatti si sono concentrati sulla discussione ed approvazione dello Statuto di AVIS nazionale e di seguito sugli Statuti delle AVIS regionali, provinciali e comunali. I lavori preparatori si sono savviati subito dopo l'Assemblea ordinaria del mese di maggio scorso e sono proseguiti dopo l'estate con la predisposizione delle bozze aggiornate in tempo reale, anche in seguito alle definizioni attuative della riforma che si sono venute precisando ancora nelle ultime settimane.

Il nuovo testo dello Statuto AVIS nazionale, validato dal Consiglio nazionale AVIS nella sua ultima seduta del 2018, è stato approvato votando articolo per articolo. Sono stati anche approvati i modelli per le articolazioni territoriali di AVIS che saranno approvati nelle successive assemblee comunali, provinciali e regionali.

“Questa Assemblea generale – ha dichiarato il presidente di AVIS NAZIONALE, Gianpietro Briola – può apparire come un semplice momento formale. In realtà, si tratta – per una grande associazione di volontariato come AVIS – di un’importante occasione di partecipazione e democrazia. Il nuovo Statuto, nel suo adeguarsi alla nuova normativa nazionale sul terzo settore ci chiede di essere ancora più capaci di rispondere agli scopi per cui AVIS è nata, con sempre maggiore trasparenza e nell’interesse esclusivo dei donatori e dei malati”.