Tel. +39 0165 361190

Le 21 Avis comunali valdostane hanno approvato i nuovi Statuti

28 febbraio 2019

 

Le 21 assemblee comunali AVIS valdostane hanno approvato i nuovi Statuti

AVIS ha concluso in Valle d'Aosta il cammino di adozione delle modifiche statutarie in attuazione della legge di riforma del terzo settore.

Dopo l'Assemblea straordinaria del 12 gennaio scorso svoltasi a San Donato Milanese, era partita anche in Valle d'Aosta la stagione delle Assemblee Avis comunali per le modifiche statutarie. In un mese esatto tutte le 21 AVIS comunali valdostane dal 23 gennaio al 23 febbraio hanno celebrato le loro assemblee in cui oltre ad occuparsi dei normali adempimenti annuali sono stati approvati i nuovi Statuti che recepiscono le novità del Codice del terso settore.

Non è un semplice passaggio formale – spiega il Presidente Avis Valle d'Aosta, Pier Paolo Civelli – ma si tratta di una fase importante per mettersi in linea con il recente Codice del Terzo settore. AVIS è tra le prime associazioni a procedere con questi interventi statutari nel rispetto dei tempi previsti dalla legge. Il grosso lavoro svolto da AVIS nazionale con le delegazioni regionali, viene condiviso a tutti i livelli territoriali, diventando così un'occasione di partecipazione e di democrazia. L'adozione dei nuovi statuti consentirà ad AVIS di essere anche un punto di riferimento nel settore del volontariato collaborando con il CSV della Valle d'Aosta che sta accompagnando le realtà associative valdostane in questa fase di attuazione.”

AVIS a livello nazionale aveva avviato da termpo un grosso lavoro di elaborazione e confronto con i testi normativi della riforma e con i decreti che man mano si sono susseguiti per un quadro che purtroppo non è ancora completo. Ad esempio manca ancora il RUNTS Registro unico del terzo settore.

L'assemblea nazionale di Milano aveva visto l'approvazione, da parte dei delegati, del nuovo testo dello Statuto AVIS nazionale e l'approvazione dei modelli di Statuto delle Avis territoriali che adesso dovranno effettuare nei loro rispettivi Statuti le modifiche.

L' adeguamento dei testi statutari, come noto, si è reso necessario in seguito alla nuova normativa del Codice del Terzo Settore (D. Lgs. 117 del 3 agosto 2017) che Riforma appunto il terzo settore.

 

 

 

 

 

Fonte: avis vda valle d'aosta